Astrologia per neofitiCuriosità astrologicheAstrologia karmica: siamo tutti Saturno

Quando le persone vengono a contatto con la parola Karma, o l’aggettivo karmico, iniziano a crearsi desiderose proiezioni mentali, quasi ammantate di sogno.  Come se l’astrologia definita karmica fosse in grado di confermare le sensazioni più radicate nella testa di ognuno. Quasi fosse una prova del nove o un test psicologico da FB.

Scopri le affinità karmiche.

Scopri se il tuo lui/lei è Karmico.

Con le percentuali. Con le stelline.

All’udire l’aggettivo karmico tutto va ad incardinarsi su domande riguardanti la propria anima gemella o il sempiterno ritorno di amati/e , sorelle, fratelli, financo animaletti domestici nella propria esistenza.

“Io lo so che la mia gatta è Karmica! Nella precedente vita deve essere stata mia figlia”

“Quel muflone di mio marito non è karmico per niente, ma il tipo che ho incontrato sabato sera invece…”

L’impressione è quella che karmico sia unicamente quello che appaga il bisogno innato di essere riconosciuti e riconoscersi dolcemente profumato di eternità, perchè lascia lo spirito sgranchirsi in una comoda sensazione di stabilità. E’ avvertito come Karmico quello che ci àncora in modo magico all’esistenza e ci da la forza per andare avanti.

Si tratta di Karma?

Ni.

Di sicuro gli aspetti luce della nostra esistenza hanno a che vedere col motivo per cui siamo entrati per l’ennesima volta nella sacra ruota delle incarnazioni. Quello che assai meno ci piace incontrare resta tuttavia sempre l’Ombra di noi stessi.

Karma, termine di derivazione sanscrita (karman come tratto dai Veda), in soldoni significa “azione”.
Il fare.
Il fare che produce conseguenze, che forma il distendersi delle occasioni e delle prove, delle situazioni in cui l’azione appunto, la nostra azione, ci ha costretti e ci costringe svolgendosi.

Paramahansa Yogananda paragona il Karma a una lunga catena immersa nell’oceano divino, di cui non emerge che un anello, ovvero quello che al momento stiamo vivendo, la presente incarnazione. Quello che è stato fatto ha prodotto dei risultati che divengono la base delle prossime azioni, in una ripetizione meccanica, se non addirittura obbligata. Come fossimo dei criceti costretti a macinare chilometri sulla ruota a causa del movimento delle nostre stesse zampe.

Immaginate che peso possano avere in cotanta dinamica i nostri errori.

E le pagine nere? Le ferite che abbiamo inferto al prossimo? Quelle che ci siamo lasciati infliggere? L ’atteggiarci ora a vittima ora a carnefice? I complessi che abbiamo alimentato, le insicurezze che ci siamo tatuati addosso nel corso dei secoli?

Per questo il karma ha più a che fare con i crateri deturpanti della nostra personalità.Con quegli aspetti che non ci piace guardare, che anzi confineremmo volentieri sotto un tappeto a pelo lungo per non indovinarne più nemmeno la forma.

Quando ci si accosta ad una lettura in chiave Karmica del tema natale infatti sul piatto non c’è di certo se il tizio che abbiamo incontrato sabato sera sia o meno la nostra anima gemella, ma vengono piuttosto presi in considerazione tutta quella serie di lividi, ammaccature, residui di traumi e ferite che l’anima si trascina dietro come un bagaglio troppo pesante e che cerca disperatamente di alleggerire con nuove esperienze e la possibile integrazione di concetti non digeriti. Viene presa in considerazione al contempo la sete di quell’anima, il suo bisogno di trasmutazione, di riscatto, di inversione di polarità per il raggiungimento di un nuovo punto di equilibrio, sintesi più alta di quanto compiuto fino a quell’istante.

Allora l’astrologia karmica diventa la bussola per comprendere il senso del giro di ruota che stiamo affannosamente compiendo, perchè in grado di cogliere aspetti di passato e metterli in relazione allo schema che stiamo affrontando, per comprenderne la direzione.

Si può così accendere un faro per illuminare angoli ciechi da millenni con sensibili ricadute nella vita ordinaria. Comprendere per esempio che se il capo a lavoro ci fa venire i capelli bianchi probabilmente è perché abbiamo scelto una professione che ha poco a che vedere con la missione per la quale ci siamo incarnati, oppure che la coazione a tradire nelle relazioni personali non è altro che l’ultimo episodio di un lungo film di tradimenti subiti nel tempo che ci lega a un rituale doloroso ancorché privo di coscienza e fuori controllo.

Una lettura in chiave karmica diventa strumento prezioso di autoconoscenza perchè cerca di sollevare dall’oblio dei flutti divini altri anelli della catena sfuggenti all’analisi condotta sul chi siamo e cosa siamo venuti a fare.

Nessuna astrologia predice il futuro, men che meno quella karmica, ma essa possiede la magia di confinare la morte nell’ambito di un passaggio dovuto, che scandisce il ritmo del nostro esistere, scardinando o riducendo il terrore tutto occidentale del nulla a cui è legato il movimento fra un piano d’esistenza e l’altro. Chi si accosta a un consulto astrologico dovrebbe dunque avere l’animus gioioso del cercatore, di chi si fa domande per vivere un giorno nelle risposte.

L’astrologia d’altro canto ha più a che spartire con l’analisi psicologica che con la divinazione.

Non aspettatevi la divinazione da un consulto astrologico, ancor meno da un consulto astrologico di natura karmica.

Aspettatevi di conoscere degli aspetti di voi stessi che preferite ignorare ma che sono molto probabilmente la ragione scatenante di tutto quello che vi castra, vi deprime o innesca le guerre in cui conducete la vostra vita. A tale proposito amo raccontare di Saturno quando cerco di spiegare il senso di una lettura Karmica alle persone che incontro, in primo luogo perchè è il Maestro del karma,  quell’ indicatore prezioso che ci parla delle prove, dei sacrifici, delle lezioni dure che l’anima si sobbarca nel viaggio evolutivo. In secondo luogo per la funzione che riveste, quella di strutturatore della nostra esistenza.

Saturno: il Maestro del Karma

Saturno esiste dalla notte dei tempi, da prima degli Dei. Viene incaricato da sua mamma di fare fuori il padre, Urano, perchè non consente ai figli di vivere e li ricaccia puntualmente nel ventre della sposa per continuare a regnare incontrastato. Saturno obbedisce ma alla sua maniera, non uccide il padre, piuttosto lo evira punendolo.
I gioielli di famiglia del padre, narra il mito, allora cadono in mare e, incontrando i flutti, consentono la nascita di Venere Afrodite: bellezza, amore, armonia fatte divinità.

Quando si percorre il mito di Saturno è intuitivo capire perchè sia considerato il signore del karma. Saturno punisce, educa financo suo padre. Pone un limite alla sua bulimia sessuale e consente dunque al mondo di andare avanti superando l’ego del singolo individuo. Saturno ferisce, pota e sopprime. Ma così facendo struttura. Da una forma, da un canale espressivo alla vita di ognuno.

Non solo.

Crea bellezza.
Il suo passaggio fa male, ma consente ai fiori di sbocciare.

Ha molto a che vedere con la presa di coscienza che ognuno può fare di se stesso e del proprio cammino. Siamo tutti Saturno in queste nostre esistenze. Dobbiamo tutti bonificare noi stessi per guadagnarci un posto in paradiso.

Non c’è evoluzione dove non si metta mano a quegli aspetti del nostro percorso che hanno a che fare con la struttura, l’ossatura del nostro esistere.

Non c’è bellezza che possa venire ad esistenza, non c’è bocciolo pronto a schiudersi.

L’astrologia karmica è la mappa verso quelle regioni scure.  La mappa con cui affrontare il disegno dell’anima e la polarità che si è scelta per questo giro di vita. Senza sconti, ma badando al vero obiettivo.

Può farvi pronunciare un “ahhh ecco perchè….” in modo sbalordito, può farvi sentire compresi più che assurdamente sbattuti in un piano di esistenza senza capo e nè coda. Può darvi degli appigli e una maggiore consapevolezza. E’ un ottimo alleato sulla strada che si intitola “ Chi sono”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.oroscopodelmese.it/wp-content/uploads/2018/02/white_divider_bottom.png

Il progetto

https://www.oroscopodelmese.it/wp-content/uploads/2018/10/logo-pagina-oroscopo-del-mese.png

Il sito Oroscopo del Mese.it si occupa di Oroscopi e di cultura astrologica: simboli, miti, narrativa e immaginale.

E’ di proprietà di Irene Zanier, astrologa e Life Coach
Professione disciplinata ai sensi della L. 4/2013

Partita Iva 11959030013

Informativa Privacy e Cookies

Contatti

Corso Einaudi, 115 Rivoli (TO) Italia
ire_zan2

Facebook

error: Attenzione: I contenuti sono protetti e di esclusiva proprietà di Oroscopodelmese.it
WhatsApp chat