Luna NuovaLuna Nuova in Acquario: le Vent nous portera

Con la Luna Nuova del 4 Febbraio 2019 ha inizio la Lunazione del Vento e che vedrà la formazione delle due tappe di inizio (Luna Nuova) e maturazione (Luna Piena) interamente all’interno del mese, Febbraio.

Ho notato che, specie nei siti che si occupano di astrologia e di Luna in maniera frettolosa, c’è una certa confusione sull’attribuzione dei nomi alle varie lunazioni facendolo combaciare generalmente al mese in cui avviene il momento della Luna Piena. Non è però detto che le fasi siano sempre contenute all’interno del mese. Ed è in questo modo che invece di seguire la sequenza astrologica delle Lune si arriva a commettere l’errore di chiamare le lunazioni con i nomi sfasati. Questo errore, fatto in buona fede e diffuso più che altro per ignoranza, fa sì che l’attribuzione dei nomi delle lunazioni corrisponda a quella del mese: siamo in febbraio, quindi per forza di cose la Luna sarà quella della neve. Ed è sempre così che mi è capitato di trovare scritto che quella che si sta aprendo è la Lunazione di Febbraio. Ma il mese del calendario non corrisponde al mese lunare.

Il calendario su base lunare divide l’anno in 13 lunazioni (mesi lunari) che corrispondono a periodi in cui la natura si trova di fronte a certi passaggi, utili un tempo per scandire i lavori agricoli. L’inizio del mese lunare avviene sempre con la Luna Nuova e termina con la Luna Nuova successiva.

La Lunazione del Vento è la dodicesima lunazione, l’ultima del periodo invernale, ed è anche quella che quest’anno ci indica che siamo usciti dal lungo tunnel delle eclissi che hanno contraddistinto gli ultimi due anni. Il riferimento al Vento è a ciò che ha il potere di spazzare via il “freddo” per cominciare a dare alla natura la possibilità di risorgere.

Ben si adatta al significato del segno dell’Acquario, associato astrologicamente al cambiamento, al nuovo che avanza, allo straniero in terra straniera.

La Luna Nuova questo mese avverrà il 4 Febbraio nel segno dell’Acquario; il primo quarto il giorno 12 Febbraio in Toro; la Luna Piena il 19 Febbraio in Vergine; l’ultimo quarto avverrà il 26 febbraio in Sagittario.

Il novilunio in Acquario: il punto di vista astrologico

Il momento esatto dell’incontro tra Sole e Luna avverrà alle 22:05 ora italiana del 4 Febbraio 2019 a 15°45’ del segno dell’Acquario, punto mediano tra il solstizio e l’equinozio, la Candelora/Imbolc di cui Micaela Balìce ha scritto in un articolo precedente. Secondo le immagini associate al grado dall’oracolo sabiano, questo grado corrisponde a:

“Un importante uomo d’affari alla sua scrivania”

che rimanda, secondo Dane Rudhyar, a delle qualità che possono essere sviluppate per la gestione armoniosa delle risorse, sia personali che collettive, cercando di non inserirle forzatamente solo all’interno di una logica utilitarista.

Il segno dell’Acquario in cui si forma il novilunio di questo mese parla proprio della capacità di staccarsi da logiche egoiste per iniziare a considerare che possiamo progettare qualcosa anche pensando a qualcun altro. Non necessariamente alla pace nel mondo, agli altri su larga scala: il primo passo è quello di lasciar spazio ad un secondo pensiero accanto alla soddisfazione (legittima) del proprio bisogno.

Il modello planetario di questo Cielo, ovvero la distribuzione dei pianeti nella carta, è il modello a Tazza: tutti i pianeti, come si può vedere dal grafico, si trovano distribuiti in una metà della carta occupando solo 180° e lasciando vuota la metà opposta.

A livello simbolico questo modello mette in scena proprio il rapporto Io/Tu o anche Io/Resto del mondo e la necessità conseguente di creare un rapporto armonico con gli altri.

Rappresenta, nella parte della carta occupata in questo caso anche da Sole e Luna, una sorta di ancoraggio e una chiamata a portare a compimento i valori dei segni coinvolti, nel nostro caso ciò che si trova tra Sagittario e Ariete. Tuttavia la chiamata per compiere una vera e propria integrazione è rintracciabile nella parte vuota della Carta, ciò che si trova “dall’altra parte”, dove l’assenza di pianeti ci mostra che è il territorio fuori dalla nostra zona di confort, quello su cui non abbiamo alcun elemento di valutazione che potrà arricchire la nostra esperienza.

Questo Cielo è quindi un invito alla completezza, nella modalità acquariana che è quella di accogliere lo “strano”, il diverso, l’estraneo, l’alieno: tutti termini, questi, che accanto all’eccitazione della scoperta del nuovo portano alla luce anche la paura di andare incontro ad esperienze disgreganti e di confusione. Il segno dell’Acquario è infatti sia segno di innovazione che di controllo e questo dipende da quale dei suoi pianeti governatori ha la meglio:

Urano o Saturno? Quale dei due pianeti è in questo momento più forte?

Sicuramente la presenza di Saturno in domicilio e l’imminente ingresso di Urano, il prossimo mese, in un segno in cui non è propriamente a casa (mi riferisco all’ingresso di Urano in Toro di cui ho scritto anche QUI) spostano un po’ l’equilibrio verso l’emersione di alcune paure e verso un conseguente rischio di irrigidimento.

In questo modello diventa trainante il pianeta che apre la sequenza e ugualmente importante è anche il pianeta che chiude la sequenza. Nel Cielo del 4 Febbraio il ruolo di apertura è svolto da Giove a 18° del Sagittario. Si tratta di una istantanea importante perché Giove, con il suo quadrato a Nettuno seppur separativo, riflette ancora parte di quella tensione di cui ho già parlato nell’articolo “La capacità di stare soli: il Cuore del Capricorno”.

Il novilunio si trova in aspetto di sestile applicativo proprio a questo Giove e questo aspetto collega gli ideali (Acquario) di integrazione del diverso e di confronto con le paure smosso dal ciclo delle eclissi che ci lasciamo alle spalle con la fiducia che si tratta di un processo possibile, solo se saremo in grado di dare spazio, parola cara a Giove, a nuove forme di equilibrio.

Un altro elemento importante di questo Cielo è che non c’è nessun pianeta retrogrado e la situazione resterà in questo modo fino all’inizio della retrogradazione di Mercurio il 6 Marzo, momento in cui si formerà il prossimo novilunio proprio nel segno dei Pesci. Questa parentesi libera da retrogradazioni può essere vista come un ulteriore segnale della possibilità, insita in questa Luna, di gettare il seme di un impegno personale a guardare al di fuori del proprio orticello.

Mercurio, collegato alla Luna Piena che avverrà il 19 Febbraio, nel momento della Luna Nuova si trova strettamente abbracciato a Lilith, anch’essa in Acquario, e in sestile sempre a Giove, seppur in aspetto separativo. Si tratta di un Mercurio molto interessante dato che si lascia alle spalle la congiunzione superiore con il Sole (cazimi) avvenuta a fine Gennaio e procede spedito, come la natura mercuriale esige.

E’ un Mercurio rinnovato, quindi, quello che incontra la Lilith nera, la parte ombra dei nostri desideri inconfessati, e lo fa accingendosi ad osservare  con innocenza e curiosità cosa si trova dentro al vasetto ermeticamente chiuso. Queste sono indicazioni astrologiche che hanno un valore simbolico importante per afferrare quale sia l’atteggiamento che è possibile coltivare in questo momento astrale. Si tratta di una purificazione prima di accingersi ad incontrare il nuovo, il diverso, dato che restando ancorati al “vecchio” (Saturno) è possibile che rispondiamo automaticamente sulla base di automatismi, stereotipi e paure.

La mente si fa chiara e questa caratteristica ci accompagnerà al 19 Febbraio, momento in cui non solo si formerà la Luna Piena in Vergine (che affronterò nel prossimo articolo), ma Mercurio farà il suo ingresso nella zona di retrogradazione iniziando a smuovere pensieri e riflessioni che diventeranno ancora più incisivi quando la retrogradazione avrà effettivamente inizio il 6 Marzo.

Segno di questa chiarezza mentale è che in questo mese lo spettacolo, osservando fisicamente il Cielo notturno (ve lo consiglio), darà testimonianza di  questo Mercurio visibile e purificato.

Sarà, in poche parole, una bella Stella in vista con cui sarà possibile sintonizzarsi e dialogare per tutti coloro che, animati da fuoco ermetico, sentono nella propria vita l’importanza di Mercurio/Hermes.

Buona Luna Nuova 

 


L’Oroscopo di Febbraio 2019 per il tuo segno lo trovi QUI. Ed è gratis.

Se invece sei curiosa/o di conoscere più a fondo il tuo tema natale, di ricevere una interpretazione personalizzata dell’Oroscopo per un anno o di avere informazione sui prezzi, contattaci attraverso la pagina Contatti oppure telefonandoci.

Puoi anche scriverci solo per sapere come avvengono i consulti, il costo oppure per sapere in che Fase lunare era la tua Luna di nascita (risponderemo gratuitamente).

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.oroscopodelmese.it/wp-content/uploads/2018/02/white_divider_bottom.png

Il progetto

https://www.oroscopodelmese.it/wp-content/uploads/2018/10/logo-pagina-oroscopo-del-mese.png

Il sito Oroscopo del Mese.it si occupa di Oroscopi e di cultura astrologica: simboli, miti, narrativa e immaginale.

E’ di proprietà di Irene Zanier, astrologa e Life Coach
Professione disciplinata ai sensi della L. 4/2013

Partita Iva 11959030013

Informativa Privacy e Cookies

Contatti

Corso Einaudi, 115 Rivoli (TO) Italia
ire_zan2

Facebook

error: Attenzione: I contenuti sono protetti e di esclusiva proprietà di Oroscopodelmese.it
WhatsApp chat